Bambine e bambini. Un giorno all'Università

Non è mai troppo presto per fare ricerca!

Protagonisti Scuola primaria, Dottorandi, Ricercatori, Insegnanti Tipologia di progetto Laboratori, Spettacolo

Hanno aderito 25 tra Dipartimenti, Musei e Archivi dell’Università di Torino e Istituti di Ricerca

Partecipanti 3000 bambini, 80 ricercatori

Altre Edizioni

Un percorso nei Dipartimenti studiato appositamente per i più piccoli per fare conoscere loro il mondo della ricerca scientifica e tecnologica.

EDIZIONE 2016

Bambine e Bambini. Un giorno all'Università è un'iniziativa unica nel suo genere che dà la possibilità agli studenti della scuola primaria di scoprire gli Atenei come luoghi formazione e ricerca aperti alla comunità.

Il progetto è promosso dalla Città di Torino con l’Università, il Politecnico, il Conservatorio Statale "Giuseppe Verdi", IAAD - Istituto d'Arte e Design Applicati, IED - Istituto Europeo di Design e l'Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino.

Agorà Scienza coordina per il terzo anno il programma dell’Università degli Studi di Torino: oggi sono 25 i Dipartimenti, centri di ricerca, musei e archivi che hanno deciso di partecipare a questa quarta edizione coinvolgendo oltre 70 tra docenti, ricercatori e dottorandi dell’Ateneo. Sono ben 37 le attività proposte: scoprile qui.


FORMAT

L’iniziativa si sviluppa in laboratori, visite guidate e percorsi didattici per costruire un immaginario di accessibilità all'alta formazione in condizioni di pari opportunità e per diffondere tra i giovanissimi la consapevolezza dell’impatto che la ricerca ha sulla nostra vita quotidiana.

Allo stesso tempo, il progetto è un'occasione per i ricercatori universitari di potenziare il loro impegno nell’ambito della diffusione della cultura tecnico-scientifica e di sperimentare nuovi linguaggi e metodi per la comunicazione di queste conoscenze.


La giornata di inaugurazione

Mercoledì 2 marzo, alle 9.30, nell’Aula Magna della Cavallerizza Reale, l'Assessora all'Istruzione della Città di Torino Mariagrazia Pellerino e il Magnifico Rettore dell' Università degli Studi di Torino Gianmaria Ajani hanno accolto 400 studenti delle scuole primarie per l'apertura ufficiale del progetto, evento a cura di Agorà Scienza.

La mattinata è proseguita poi con la conferenza-spettacolo dal titolo "Chi ha paura della matematica?" di e con Maurizio Bertolini, matematico e ricercatore del Social Community Theatre Centre di Torino.

Attraverso un percorso di animazioni e giochi le bambine e i bambini hanno provato a capire perché numeri e calcoli ci spaventano e cosa possiamo fare per aggirare questa paura!




HANNO CONTRIBUITO ALLA COSTRUZIONE DEL PROGRAMMA:

Dipartimento di Studi Umanistici, Centro Interstrutture di Servizi Informatici - CISI, Dipartimento di Giurisprudenza, Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi, Orto Botanico, Dipartimento di Scienze della Terra, Dipartimento di Scienze Veterinarie, Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari, Agroinnova, Dipartimento di Chimica, Dipartimento di Fisica e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, Dipartimento di Matematica, Dipartimento di Informatica, Dipartimento di Scienze Mediche, Dipartimento di Scienza e Tecnologia del Farmaco, Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere e Culture Moderne, Dipartimento di Psicologia, ASTUT - Archivio Scientifico e Tecnologico, Dipartimento di Neuroscienze - Museo di Anatomia umana "Luigi Rolando" e Museo di Antropologia criminale "Cesare Lombroso", MBC - Molecular Biotecnology Center, INAF - Osservatorio Astrofisico di Torino e Infini.to - Planetario, Museo dell'Astronomia e dello Spazio e INRIM - Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica, SAMEV - Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria (SAMEV) e Scuola di Scienze della Natura.


Per informazioni: 011 29122/3/4 - Ufficio Rapporti con le Scuole di ITER, via Revello, 18 - Torino.
  • UN GIORNO AL

    • Osservatorio Astrofisico di Torino




      L’Osservatorio Astrofisico di Torino è una struttura di ricerca dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) che unisce l'Osservatorio Astronomico e l'Istituto di Fisica dello Spazio Interplanetario.

      L'Osservatorio Astronomico nacque nel 1759 nel pieno centro di Torino, quando il re Vittorio Amedeo III di Savoia chiese a Giovanni Battista Beccaria di determinare l’arco di meridiano locale. Dal 1912 si trova sulla collina di Pino Torinese, in quello che è oggi conosciuto come il Parco Astronomico e che comprende, oltre all'Osservatorio Astrofisico, anche Infini.TO - Planetario, Museo dell'Astronomia e dello Spazio.

      All'Osservatorio i ricercatori studiano la materia celeste, ovvero tutto ciò che è osservabile nell'Universo. I piccoli scienziati hanno osservato la fotosfera del Sole. Guardandolo al telescopio sembra quasi "una luna" con tanti nei. Cosa sono quei puntini neri? Sono le macchie solari, osservate già a partire dal 1600. Non sono parti del Sole che si stanno spegnendo, sono solo meno calde. Ci appaiono scure per il contrasto con la forte luce che hanno intorno.


    • Molecular Biotechnology Center




      Il Centro di Biotecnologie Molecolari si occupa dello studio degli eventi cellulari e molecolari alla base di diversi processi fisiopatologici (malattie oncologiche, cardiovascolari, metaboliche e degenerative) al fine di sviluppare tecnologie diagnostiche e strategie terapeutiche innovative, mediante l'integrazione tra la ricerca di base (biochimica, biomolecolare, genomica e bioinformatica) e la ricerca clinica.



    • Dipartimento di Fisica



      Chi l’avrebbe mai detto che la Fisica può essere un gioco? Lo hanno scoperto le bambine e i bambini delle scuole primarie torinesi sperimentando con la luce, le ombre e i colori!

      Cos'è l’arcobaleno? I fisici dicono che l’arcobaleno è un fenomeno ottico che produce uno spettro colorato nel cielo quando - ad esempio - la luce del Sole attraversa le gocce d'acqua rimaste in sospensione dopo un temporale... Ma non bisogna aspettare che piova: gli scienziati possono riprodurlo in laboratorio!



    • Orto Botanico di Torino

      L’Orto Botanico fa parte del complesso dei musei torinesi ed è associato al Dipartimento di Scienze della vita e Biologia dei Sistemi dell’Università di Torino.

      Ha quasi 200 anni di storia: fu fondato infatti nel 1729 per volere di Vittorio Amedeo II, come struttura mirata a coltivare e far conoscere le piante ed in particolare la loro forma, i loro usi, la loro origine e le loro caratteristiche ecologiche. Da allora moltissimi ricercatori sono passati da lì lasciando l’impronta del loro lavoro e della loro attività di divulgazione della cultura botanica.

      E moltissime sono le piante ospitate! I piccoli studenti si sono divertiti in una sorta di caccia al tesoro a riconoscerle a partire dall'osservazione delle foglie!








Ti potrebbero interessare anche

Il grande cammino della…

Tre incontri per raccontare il metodo scientifico

Treevial

Sicuri di sapere tutto sulla sostenibilità?

Pionieri

Esploratori dell'ignoto da Leonardo ai giorni nostri

FRidA - Forum della Ricerca di…

Il portale della ricerca e del public engagement dell'Università di…